Chat with us, powered by LiveChat
<!--[if lte IE 8]>
<![endif]-->SCOPRI I CORSI ASO
hbspt.cta.load(515303, 'cfc45dca-4431-482a-b866-f03085d14787', {});

Quali sono le mansioni dell’Assistente di Studio Odontoiatrico (ASO)?

L’ASO ha il compito di assistere la persona/paziente nel suo percorso all’interno dello studio odontoiatrico e l’odontoiatra durante le fasi operative.

Tuttavia, le competenze dell’ASO non si riducono alla sola assistenza, ma toccano anche la gestione quotidiana dello studio.

Vediamo quali sono in questo articolo.

Il rapporto con il paziente

L’ASO è la figura che per prima incontra il paziente e ha il delicato compito di accogliere la persona nella struttura o, in caso di una prima visita, ha il compito cruciale di introdurla nello studio per la prima volta.

In questa stessa occasione, aiuta il paziente a raccogliere le proprie informazioni nell’anamnesi, oppure, in caso di anamnesi compilata solo dal paziente, si assicura che essa sia completa ed intellegibile, per poi sottoporla all’odontoiatra.

Provvede poi a registrare nella cartella queste informazioni perché siano sempre disponibili.

Sarà compito dell’ASO assistere con continuità la persona prima e dopo la procedura; l’instaurarsi di una continuità tra ASO e paziente nelle sedute a venire contribuirà alla crescita e al rinforzarsi dell’alleanza terapeutica.

L’instaurarsi di questo rapporto avviene di continuo nel lavoro quotidiano dell’ASO: dal semplice mettere a proprio agio il paziente, facendo lasciare cappotti o effetti personali da parte, facendolo sedere e facendo fare lo sciacquo, all’assistenza vera e propria durante la seduta (aspirazione, divaricazione ecc..), fino ad accompagnare la persona al di fuori dell’area operativa.

Un atteggiamento propositivo, attento, professionale e positivo dell’ASO sarà motivo di crescita del rapporto col paziente, e di conseguenza aumenterà la sua fiducia nella struttura.

Questo rapporto tra ASO e paziente si estende naturalmente anche alla comunicazione telefonica con lo studio nei giorni immediatamente prossimi ad un intervento.

L’ASO deve saper spiegare al paziente, in termini rassicuranti e comprensibili, le procedure da attuarsi prima o dopo un intervento chirurgico, o ancora saper rispondere, nei limiti della competenza, ai dubbi che possono insorgere su una posologia di un farmaco illustrato dall’odontoiatra.

L’ASO deve poter gestire un confronto col paziente con professionalità ed empatia, facendo affidamento sulla conoscenza dei protocolli che l’odontoiatra applica.

Quest’area richiede certamente una parte di cosidette soft skill professionali innate, ma è certo che l’osservazione, la pratica e l’esperienza siano i migliori strumenti per sviluppare una buona empatia con i pazienti, trasmettere sicurezza e creare in ultima analisi un rapporto di fiducia con la persona che viene in studio a farsi curare.

Il rapporto con altri professionisti e collaboratori

L’ASO ha poi il compito di occuparsi dei rapporti tra l’odontoiatra e altri professionisti, consulenti o collaboratori esterni dello studio.

Può essere per esempio il caso dei rapporti col tecnico, in caso di ricezione di manufatti dal laboratorio o invio delle impronte al laboratorio.

 

 

L’allestimento e preparazione dell’ambiente di lavoro

L’ASO ha il delicato compito di preparare l’ambiente di lavoro. Ciò significa che il suo lavoro va a toccare e coinvolgere tutti i passaggi che portano alla preparazione di un campo operatorio.

Nello specifico l’ASO si occupa di: 

  • Decontaminazione, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti di lavoro;
  • Sanificazione dell’ambiente di lavoro, della disinfezione all’applicazione dei sistemi barriera;
  • Preparazione della sala operatoria sterile o pulita;
  • Preparazione degli strumenti per la procedura operativa;
  • Controllo e della preparazione delle attrezzature da utilizzare durante la procedura.
  • Riordino dopo la procedura.

La gestione del magazzino e dei materiali in uso e di consumo

L’ASO esegue il controllo delle scadenze dei materiali in uso, assicurando quindi che tutto quello che viene utilizzato sia sempre consono e pronto allo scopo operativo.

Altro compito è la gestione del magazzino; l’ASO tiene conto della disponibilità e della quantità dei materiali di consumo e, in caso di necessità, procede ad un ordine straordinario per rifornire lo stesso.

Si occupa inoltre degli ordini periodici, sempre tenendo conto delle reali necessità di magazzino.

La raccolta di rifiuti sanitari

L’ASO raccoglie i rifiuti sanitari differenziati durante il riordino, ne esegue lo stoccaggio, e si occupa delle procedure di smaltimento.

L’amministrazione e contabilità

L’ASO si occupa di gestire tutte quelle procedure amministrative di accoglienza e clinica e dimissione della persona assistita, in coordinazione con la segreteria.

Si occupa poi, in accordo con l’odontoiatra per quanto riguarda la periodicità, di gestire l’agenda degli appuntamenti futuri e di gestirla con attenzione in modo da ottimizzare sempre i tempi.

Un altro aspetto amministrativo importante è la gestione della banca dati comprendente le cartelle dei pazienti, con tanto di documentazione clinica, fotografie, video e materiale radiografico dei pazienti.

Tutti questi compiti oggigiorno possono essere espletati per la maggior parte in modo informatizzato tramite i gestionali su computer.

Lo stesso vale per i rapporti con i fornitori, rappresentanti e consulenti o tecnici esterni che collaborano con la struttura (informatici, idraulici, elettricisti…)

Infine, si può occupare della cassa.

L’assistenza all’odontoiatra

L’ASO assiste l’odontoiatra nella pratica quotidiana. Questo comprende il lavoro quotidiano, cioè la vera e propria parte clinica, e come già anticipato in precedenza, tutto ciò di non strettamente clinico.

Nella pratica clinica l’Assistente permette all’odontoiatra di lavorare nel modo più fluido ed ergonomico possibile, razionalizzando al massimo i tempi preparando tutto il necessario ed agevolando nel modo consono i movimenti dell’operatore.

Inoltre, aiuta il paziente ad affrontare al meglio l’intervento, ponendo ove possibile rimedio a un disagio. Nel caso spiacevole di un’emergenza, l’ASO supporta l’odontoiatra nelle manovre di primo soccorso ed aiuta ad organizzare il soccorso.

Chi ha scritto questo articolo

Filippo Casanova

Filippo Casanova

Odontoiatra

Laureato nel 2018 in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Ferrara. Collabora attivamente dal 2016 con la rivista Odontoiatria Team@Work, per la quale ha scritto diversi articoli.

Insegna “Tecniche di Allestimento del Campo Operatorio” nella scuola ASO Dental Equipe School e Accademia Tecniche Nuove.

Richiedi informazioni sui corsi ASO

hbspt.forms.create({ portalId: "515303", formId: "bec3205c-48db-4c4a-abd2-e43a3a52c385" });
<!--[if lte IE 8]>
<![endif]-->SCOPRI I CORSI ASO
hbspt.cta.load(515303, 'fdec6d33-609e-41ff-a154-327802f95b56', {});