Chat with us, powered by LiveChat

La nuova epidemia ha alzato l’attenzione in diversi ambiti professionali, tra cui quello odontoiatrico, coinvolto per l’alto rischio biologico derivante dal nuovo virus.
Pertanto, odontoiatri, igienisti dentali ed ASO sono di fronte ad una situazione che cambierà il loro modo di vivere ed operare nello studio odontoiatrico. Vediamo quali cambiamenti e scenari interesseranno lo studio odontoiatrico in seguito all’emergenza Covid-19.

Cambiamenti nelle disposizioni normative

I cambiamenti ora in atto sono assimilabili, in un certo senso, a quelli cui abbiamo assistito con la diffusione dell’HIV, frutto di nuove disposizioni normative volte a proteggere dalle malattie a trasmissione ematica.

La diffusione del Covid-19 sappiamo che avviene anche per via aerea. Ora, questa modalità di trasmissione è sempre esistita, ma negli ambienti sanitari poteva ritenersi circoscritta a particolari virus influenzali e para influenzali ed un certo numero di patogeni in generale.

L’attuale pandemia da Covid-19 riporta inevitabilmente il problema della trasmissione delle malattie infettive per via aerea. Parlando di trasmissione per via aerea, sappiamo che le attività odontoiatriche hanno a che fare con gli aerosol, fattore che pone tali professioni tra quelle a più alto rischio biologico per la trasmissione del virus via aerea.

Le epidemie del passato: un punto di svolta nell miglioramento delle condizioni sanitarie

Le epidemie del passato hanno avuto una forte impronta nel miglioramento delle condizioni igienico sanitarie:

  • La peste del 1630 porto alla ricerca di nuovi modelli economici e sanitari;
  • Il colera nel 1800 portò molte grandi capitali europee a dotarsi di sistemi di reti fognarie e all’analisi dei focolai, aprendo la strada all’usa dei big data;
  • L’influenza spagnola impose una revisione delle pratiche igieniche e sociali, portando a miglioramenti nella cura della salute pubblica.

Che cosa cambierà nello studio odontoiatrico dopo l’epidemia Covid-19?

La storia ci insegna che bisogna sforzarsi di attendersi quegli aspetti positivi che seguono i periodi sofferti delle epidemie. I nostri studi odontoiatrici diventeranno ancora più sicuri, se adotteremo tutte quelle disposizioni di sicurezza che abbiamo imparato a conoscere in questo periodo. Così come è successo dopo la pandemia dell’AIDS. Saremo allenati a ragionare in termini di agenti infettivi veicolati anche attraverso gli aerosol e trasmissibili attraverso le vie respiratorie.

Oggi il focus è Sars-CoV-2, ma domani potrà essere qualche altro Coronavirus o similare. Anche l’organizzazione ergonomica degli ambienti subirà dei cambiamenti migliorativi, per la realizzazione degli spazi e dei tempi di lavoro; così pure sarà ripensata l’architettura interna degli stessi luoghi di lavoro, dove ci saranno superfici libere e più facilmente punibili.

Tornerà di grande attualità il paradigma del Design applicato agli ambienti sanitari, “Less is more”, che ci riporterà ai principi dell’essenzialità.

Paride Zappavigna, Direttore di Dental Equipe School e Responsabile scientifico dei corsi di formazione e aggiornamento ASO.

Scopri di più sul corso di aggiornamento ASO dedicato

Vuoi sapere di più sugli scenari che interesseranno lo studio odontoiatrico in seguito all’emergenza Covid-19? Scopri di più sul corso di aggiornamento ASO “Infezione da nuovo coronavirus (SARS-CoV2)”, clicca sul pulsante qui sotto.