Chat with us, powered by LiveChat

Ospitiamo sul nostro blog un nuovo caso clinico presentato dal Dott. Umberto Martino che  illustra gli aspetti importanti del suo metodo, oltre a condividere con noi la video testimonianza diretta del paziente.

Anche per il 2020, Il Dott. Umberto Martino è il docente dei corsi sul Rapporto fra Occlusione e Postura (sia corsi online che residenziali) realizzati da Accademia Tecniche Nuove. Gli eventi formativi sono accreditati ai fine dell’ECM con l’obiettivo formativo tecnico professionale n.18.

Di seguito la presentazione del caso fatta direttamente in prima persona dal Dott. Martino.

Buona lettura.

Caso clinico gnatologico

Quando la paziente è arrivata in studio per presentare il suo problema, ha portato con sé la risonanza magnetica alle ATM col referto ben dettagliato del radiologo, documento che trovate cliccando qui.

A questo punto mi sono immaginato la reazione dei colleghi di fronte alla paziente e al suo esame radiologico focalizzandomi in particolare su un elemento sul quale insisto da diversi anni:  l’assoluta mancanza di metodi e approcci risolutivi in casi di questo genere.

Nella mia attività di odontoiatra e formatore affermo spesso che “se non puoi misurare, non puoi affermare”. In altre parole, dato che non c’è uno strumento elettronico affidabile di misurazione del problema, non è possibile affermare che la scientificità in gnatologia esiste.

Un problema occlusale spesso determina un problema posturale

Il metodo di studio che utilizzo da 18 anni,  è un metodo di studio clinico, non invasivo, pratico, chiaro e costruito con un percorso logico, che consente una lettura chiara del paziente che ho di fronte.



Lo utilizzo soprattutto su atleti che per definizione devono ottimizzare le performance del loro fisico per ottenere il massimo dalla loro professione. 

Illustrazione del caso con foto e video del paziente

Il caso presentato, così come tutti gli altri che afferiscono al mio studio, sono trattati e risolti perchè affrontati col protocollo della Kinesiologia Applicata, dalla diagnosi alla terapia.



Spesso mi chiedo quale sia il modo migliore per divulgare un caso gnatologico. Sono sufficienti le foto come quelle riportate qui, oppure si allega una prova strumentale (e se si, quale?). 



Da tempo ho deciso di pubblicare i casi clinici riportando i video dei pazienti che per fortuna si rendono sempre disponibili .

Ecco la video testimonianza del paziente

Video testimonianza del paziente

Questo è il caso di una paziente che a un certo punto della vita ha perso la sua funzione masticatoria, accusando forti dolori all’orecchio, dolori in apertura e chiusura della bocca  vuoi anche per un non corretto rapporto fra le arcate (probabilmente dalla nascita).



Ciò che al principio era solo disfunzione masticatoria , nel tempo è sfociato in un problema cronico degenerativo a carico dell’ ATM di destra.

L’obiettivo del trattamento è stato proprio quello di ripristinare la funzione masticatoria adottando un presidio occlusale specifico proprio per quel tipo di disfunzione.


La ripresa funzionale nel tempo ha permesso il ripristino di una corretta masticazione e il recupero di tutti i segni e sintomi.

Vorresti approfondire con me questi temi? Ecco come fare

Conosci un metodo che ti permette di raggiungere obiettivi non uguali ma simili ?

Possiedi un metodo di studio efficace per il rilievo della dimensione verticale? 

Di fronte al paziente, sai sempre se : bite o non bite? Come ti comporti?



Ecco, se ancora oggi, nonostante tutti i tuoi studi, i tuoi corsi, la tua pratica, senti di non possedere la soluzione, ma di essere posseduto dal problema, partecipa ai miei corsi realizzati con Accademia Tecniche Nuove .

Leggi anche i nostri ultimi articoli