Gestione delle patologie del sonno in odontoiatria

Gestione delle patologie del sonno in Odontoiatria

100,00 + IVA

EDIZIONE 2017 DEL CORSO

IL CORSO RICONOSCE CREDITI ECM PER ODONTOIATRI

Corso ECM FAD ID:1585-179520 realizzato, accreditato ed erogato da Tecniche Nuove Spa per 10 crediti ECM (obiettivo formativo nazionale n. 29).

Per ottenere l’attestato ECM è necessario attivare, svolgere e completare il corso entro e non oltre il 31/12/2017.

Il corso si propone di offrire elementi clinici pratici per la gestione completa da parte dell’odontoiatra del paziente affetto da bruxismo, russamento e apnea notturna ostruttiva.

 

COD: TN_9U717 Categoria: Tag:

PROGRAMMA

» MODULO DIDATTICO 1

IL SONNO E L’ODONTOIATRIA

Il modulo tratta le premesse della patologia del sonno utili ad affrontare nella clinica le specifiche patologie. Il sonno, le sue patologie, l’approccio clinico al paziente.

» MODULO DIDATTICO 2

BRUXISMO

Il modulo parla di bruxismo, anomalia nel movimento correlato al sonno abbastanza comune, caratterizzato da serramento mandibolare o digrignamento dei denti. L’applicazione di bite non è l’unica soluzione terapeutica.

» MODULO DIDATTICO 3

OSAS E RUSSAMENTO ADULTO

Il modulo mette in risalto le modalità terapeutiche utili per l’odontoiatra affinché sia in grado di gestore pazienti adulti con patologie del sonno.

» MODULO DIDATTICO 4

OSAS E RUSSAMENTO BAMBINO

Il modulo tratta le modalità terapeutiche utili per l’odontoiatra affinché sia in grado di gestore pazienti in crescita con patologie del sonno.

N° moduli didattici 4 pubblicati progressivamente sulla rivista stampata e contestualmente sulla piattaforma multimediale
Durata 10 ore di studio stimate
Test di apprendimento alla fine di ogni modulo, a risposta multipla e a doppia randomizzazione.
Attestato ECM Si può scaricare e/o stampare dopo aver:

• concluso il percorso formativo;

• superato tutti i test di apprendimento, considerati validi se il 75% delle risposte risulta corretto;

• compilato il questionario di gradimento obbligatorio.

Sono consentiti massimo 5 tentativi per il superamento di ogni singolo test, come previsto dalla normativa Agenas ECM vigente.

N.B. Per ottenere l’attestato ECM è necessario attivare, svolgere e completare il corso entro e non oltre il 31/12/2017.

ABSTRACT

Tra le modalità terapeutiche nei pazienti adulti caratterizzati da russamento e OSAS si deve ricordare l’applicazione di apparecchi rimovibili endorali con struttura simile a quella dei dispositivi utilizzati normalmente in Ortodonzia. Ad oggi esistono in commercio circa un centinaio di dispositivi con l’obiettivo di migliorare le problematiche correlate all’OSAS.

Le Linee Guida tracciate per l’applicazione di questi dispositivi rappresentano un presupposto fondamentale per la comprensione dei limiti e delle possibilità di questo approccio: i dispositivi devono essere applicati a pazienti affetti da OSAS lieve o russamento se non rispondenti o non candidati al trattamento di terapie conservative, e a pazienti affetti da OSAS medio o grave se intolleranti all’utilizzo della nCPAP; gli apparecchi intraorali devono essere applicati da un odontoiatra possibilmente esperto in patologie dell’articolazione temporo-mandibolare e funzione masticatoria. Nell’ambito dei dispositivi intraorali per russamento e OSAS classifichiamo i propulsori mandibolari (MAD – Mandibular Advencement Devices).
Quanto esposto riguarda esclusivamente i pazienti adulti; per i pazienti in crescita le strategie terapeutiche sono differenti e finalizzate anche al controllo della morfogenesi cranio facciale. In questi casi l’applicazione di un espansore rapido del mascellare o di un propulsore mandibolare è molto efficacie.

Il Bruxismo è un’anomalia nel movimento correlato al sonno abbastanza comune, caratterizzato dal serramento della mandibola o dal digrignamento dei denti. Questo disturbo può presentarsi anche durante la veglia, in questo caso è caratterizzato principalmente dal serramento o battimento dei denti o dalla contrazione della mandibola senza contatto dentale. Il bruxismo non è sempre un sintomo innocuo, sono infatti possibili effetti dannosi sulle strutture orofacciali: danni ai denti (come usura dentale, fratture o fallimenti di ricostruzioni o impianti dentali), problemi ai muscoli scheletrici (come ipertrofia dei muscoli masticatori e dolore temporo-mandibolare) e mal di testa. Quando si presenta una di queste conseguenze, il trattamento di SB può essere indicato. La terapia include istruzioni per l’igiene del sonno, apparecchi di stabilizzazione occlusale e farmaci.

Edoardo Manfredi – laureato in odontoiatria e protesi dentaria. Dottore di ricerca in fisiopatologia e genetica delle malattie metaboliche. Ricercatore a tempo definito in malattie odontostomatologiche Università degli Studi di Parma. Dal 2013 è segretario della SIMSO.

Francesca Milano – Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia. Professore AC di Ortognatodonzia dal 2008 al 2011 presso il Corso di Laurea di Odontoiatria e Protesi Dentaria dell’Univ. di Bologna, dove ha avviato la sua attività̀ di ricerca sui Disturbi Respiratori nel Sonno in collaborazione con le UO di Neurologia e Otorinolaringoiatria, Osp. Sant’Orsola Malpighi di Bologna. Dal 2013 Membro del Consiglio Direttivo dell’Accademia Europea di Odontoiatria del Sonno.

Giovannino Rocchi – laureato in Medicina e Chirurgia, Univ. La Sapienza di Roma. Specializzato in Anestesiologia e Rianimazione presso la stessa Università. Specializzato in Odontostomatologia e Protesi Dentaria presso Univ. degli Studi di Genova. Perfezionato in Occlusione e Postura in chiave Kinesiologica, Univ. degli studi di Palermo. Dal 2013 è Vicepresidente della SIMSO.

Marzia Segù – laureata in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Specialista in Ortognatodonzia. Dottore di Ricerca in Chirurgia Sperimentale e Microchirurgia. Dir. didattico Corso di Laurea in Igiene Dentale, Univ. degli Studi di Pavia. Istruttore “Advanced Course in Edgewise Mechanics”, Charles H Tweed Foundation Tucson (AZ) USA. Consigliere Culturale Nazionale dell’Associaz. Italiana Odontoiatri (AIO), membro della Consulta dei Relatori per il Dolore Orofacciale, i Disordini Temporomandibolari e l’Odontoiatria nella Medicina del Sonno. Pres. Società Italiana di Odontoiatria nella Medicina del Sonno (SIMSO). Pres. AIO sez. Pavia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Gestione delle patologie del sonno in Odontoiatria”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *